Callback

We're happy to call you!

New Year Concert

If there were a tradition of an Italian New Year's concert, it would probably have this program! All the great names of Italian opera are gathered: the demigod Rossini, his legitimate heir Giuseppe Verdi and again his successor Mascagni, Leoncavallo, Ponchielli and of course Puccini. The great Arrigo Boito is involved twice as librettist. "Con slancio" - with verve - is how the new year is greeted here, already ensured by the overture of the "Italian in Algiers" or the gypsy chorus from the "Trovatore". A healthy portion of flaming idealism is also not lacking in an Italian start to the new year, and the Marquis of Posa from Verdi's "Don Carlo" vouches for this. The music in Ponchielli's Dance of the Hours from "La Gioconda" is lively and light-footed - but not in 3/4 time. The heart of this program full of highlights, however, is the "Hymn of the Nations" by the mature Verdi to a text by the then 20-year-old young poet Arrigo Boito. At the start of the new year, this rousing cantata evokes "the earth as a world of brothers" to which the Lord returns peace. Composed in 1862 for the Great Exhibition in London and rediscovered by Arturo Toscanini in 1943 as a pacifist call, Verdi here shows himself to be following in the footsteps of Schiller and Beethoven. Opera, anthem, cantata - Verdi fuses everything with great gesture into an enthusiastic call for brotherhood for a better world. Not a bad motto for a new year!Se ci fosse una tradizione di un concerto di Capodanno italiano, probabilmente avrebbe questo programma! Tutti i grandi nomi dell'opera italiana sono riuniti: il semidio Rossini, il suo erede legittimo Giuseppe Verdi e a sua volta il suo successore Mascagni, Leoncavallo, Ponchielli e naturalmente Puccini. Il grande Arrigo Boito è coinvolto due volte come librettista. "Con slancio" - con verve - è il modo in cui il nuovo anno viene salutato qui, il che è già assicurato dall'ouverture dell'"Italiana in Algeri" o dal coro gitano del "Trovatore". Una sana porzione di fiammeggiante idealismo non manca nemmeno in un inizio di anno nuovo italiano, come garantisce il Marchese di Posa del "Don Carlo" di Verdi. La musica nella Danza delle ore di Ponchielli da La Gioconda è vivace e leggera - ma non in 3/4 di tempo. Il fulcro di questo programma pieno di punti salienti, tuttavia, è l'"Inno delle Nazioni" del Verdi maturo su un testo dell'allora ventenne poeta-ragazzo Arrigo Boito. All'inizio dell'anno nuovo, questa cantata entusiasmante evoca "la terra come un mondo di fratelli", a cui il Signore sta restituendo la pace. Composto nel 1862 per l'Esposizione Universale di Londra e riscoperto da Arturo Toscanini nel 1943 come appello pacifista, Verdi si mostra qui sulle orme di Schiller e Beethoven. Opera, inno, cantata - Verdi fonde tutto con grande gesto in un entusiastico appello alla fratellanza per un mondo migliore. Non male come motto per un nuovo anno!
Watch list

Online ticket purchase available

To the ticket website

New Year Concert - Erl

If there were a tradition of an Italian New Year's concert, it would probably have this program! All the great names of Italian opera are gathered: the demigod Rossini, his legitimate heir Giuseppe Verdi and again his successor Mascagni, Leoncavallo, Ponchielli and of course Puccini. The great Arrigo Boito is involved twice as librettist. "Con slancio" - with verve - is how the new year is greeted here, already ensured by the overture of the "Italian in Algiers" or the gypsy chorus from the "Trovatore". A healthy portion of flaming idealism is also not lacking in an Italian start to the new year, and the Marquis of Posa from Verdi's "Don Carlo" vouches for this. The music in Ponchielli's Dance of the Hours from "La Gioconda" is lively and light-footed - but not in 3/4 time. The heart of this program full of highlights, however, is the "Hymn of the Nations" by the mature Verdi to a text by the then 20-year-old young poet Arrigo Boito. At the start of the new year, this rousing cantata evokes "the earth as a world of brothers" to which the Lord returns peace. Composed in 1862 for the Great Exhibition in London and rediscovered by Arturo Toscanini in 1943 as a pacifist call, Verdi here shows himself to be following in the footsteps of Schiller and Beethoven. Opera, anthem, cantata - Verdi fuses everything with great gesture into an enthusiastic call for brotherhood for a better world. Not a bad motto for a new year!Se ci fosse una tradizione di un concerto di Capodanno italiano, probabilmente avrebbe questo programma! Tutti i grandi nomi dell'opera italiana sono riuniti: il semidio Rossini, il suo erede legittimo Giuseppe Verdi e a sua volta il suo successore Mascagni, Leoncavallo, Ponchielli e naturalmente Puccini. Il grande Arrigo Boito è coinvolto due volte come librettista. "Con slancio" - con verve - è il modo in cui il nuovo anno viene salutato qui, il che è già assicurato dall'ouverture dell'"Italiana in Algeri" o dal coro gitano del "Trovatore". Una sana porzione di fiammeggiante idealismo non manca nemmeno in un inizio di anno nuovo italiano, come garantisce il Marchese di Posa del "Don Carlo" di Verdi. La musica nella Danza delle ore di Ponchielli da La Gioconda è vivace e leggera - ma non in 3/4 di tempo. Il fulcro di questo programma pieno di punti salienti, tuttavia, è l'"Inno delle Nazioni" del Verdi maturo su un testo dell'allora ventenne poeta-ragazzo Arrigo Boito. All'inizio dell'anno nuovo, questa cantata entusiasmante evoca "la terra come un mondo di fratelli", a cui il Signore sta restituendo la pace. Composto nel 1862 per l'Esposizione Universale di Londra e riscoperto da Arturo Toscanini nel 1943 come appello pacifista, Verdi si mostra qui sulle orme di Schiller e Beethoven. Opera, inno, cantata - Verdi fonde tutto con grande gesto in un entusiastico appello alla fratellanza per un mondo migliore. Non male come motto per un nuovo anno!

Linked accommodations

Linked accommodations

Linked accommodations

These events may also interest you

Share with
your friends

Watch list
GuestcardDiscount and benefits
with the KufsteinerlandCard:
10% discount on tickets and 1 glass of sparkling wineAlle Vorteile auf einen Blick mit der KufsteinerlandCard

Please wait

Information loading...